01/03/2017 0.00.12

L'arca della nuova alleanza

Iniziamo il percorso quaresimale nel segno della tenerezza di Dio per noi. Nulla potrà mai separarci dall’amore di Dio per noi in Gesù. L’anima deve far ricorso «alla vita, alla passione e alla morte di Gesù Cristo, per imparare a imitare Gesù in ogni cosa, nelle azioni, nella vita e nella morte. Quale compagnia migliore può aversi di Maria, che custodì nel suo cuore tutte le parole di Gesù e stette alla sua morte sotto l’albero della croce? […] l’anima che altro non cerca se non il perfetto adempimento della legge di Dio e di portare la croce di Cristo, sarà un vero tabernacolo contenente la vera manna, cioè Cristo stesso. […] sarà una nuova Maria chiamata ogni giorno e nel più perfetto dei modi ad essere l’arca della nuova alleanza» (Tito Brandsma, Bellezza del Carmelo. Appunti storici di mistica carmelitana, Edizioni Carmelitane, Roma 1994, 91). Con Maria e come Lei andiamo con gioia incontro al Signore.

Leonardo Catalano

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.