26/12/2016 1.00.00

Ogni volta che Perdoniamo

E i testimoni deposero i loro mantelli ai piedi di un giovane, chiamato Saulo. E lapidavano Stefano, che pregava e diceva: «Signore Gesù, accogli il mio spirito». Poi piegò le ginocchia e gridò a gran voce: «Signore, non imputare loro questo peccato». Detto questo, morì.
Che bella sorpresa ci riserva la liturgia, il giorno dopo Natale ci presenta il primo martire della Chiesa: Santo Stefano, un diacono.
A guardia dei mantelli dei lapidatori di Stefano(rubavano i mantelli se non venivano custoditi) viene messo un giovane di nome Saulo, il futuro San Paolo. E le ultime parole di Santo Stefano sono:Signore, non imputare loro questo peccato.
Sapete, il sangue dei martiri salva le anime perse... 
Il sangue di Santo Stefano viene versato anche per Saulo e noi tutti sappiamo bene quanto é stato grande San Paolo per la Chiesa di Cristo! 
Ogni volta che un cristiano "paga" in prima persona e chiede a Dio di Signore, non imputare loro questo peccato le anime dei persecutori si salvano...
Questo cari fratelli capita anche a noi ogni volta che perdoniamo chi ci fa del male...
I nostri persecutori ricevono la vita se noi lo chiediamo a  Gesú. 
Scusate, ma questo passaggio di vita non vi pare straordinario?
Cristo è stato il primo, il secondo un povero diacono e poi...e poi tocca  a noi.

Michele Cuttano

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.