08/01/2017 0.00.12

Cristo Luce del mondo/2

«Se vuoi che io ti dica qualche parola di conforto guarda mio Figlio, obbediente a me e per amor mio sottomesso e afflitto, e sentirai quante cose ti risponderà. Se desideri che io ti sveli alcune cose o avvenimenti occulti, fissa in Lui i tuoi occhi e vi troverai dei misteri molto profondi, la sapienza e le meraviglie di Dio le quali […] sono in Lui contenute […]; tesori di sapienza che saranno per te profondi, saporosi è utili più di tutte le cose che vorresti sapere […]. Inoltre se tu desideri altre visioni e rivelazioni divine o corporee, guarda il Cristo che si è fatto uomo e vi troverai più di quanto pensi, poiché san Paolo afferma a tale proposito: “In Cristo dimora corporalmente tutta la pienezza della divinità” (Col 2,9)» (Giovanni della Croce, Salita del Monte Carmelo, in Opere, Edizioni OCD, Roma 2012, 2,22,5-6). Ecco la motivazione per cui il presepe ci incanta. Un bambino, il Dio-con-noi ci attrae con tutto il suo misericordioso amore e chiede solo di essere accolto e fissato negli occhi perché avvenga la comunicazione, l’intesa, la decisione. Gesù è veramente Luce per il mondo e per ognuno. Le tenebre, ogni tenebra è in fuga perché c’è solo la Luce. Resta allora la decisione di accogliere la Luce.

Leonardo Catalano

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.