15/02/2017 7.42.42

Torna l’idea del Tribunale ai lucerini

Comincia a muoversi qualcosa per il recupero e soprattutto l’utilizzo concreto dell’ex palazzo di giustizia di Lucera, ancora formalmente sotto la gestione e il controllo del tribunale di Foggia, almeno fino all’anno prossimo.
Lo spiraglio arriva indirettamente da un bando per finanziamenti sull’efficientamento energetico di edifici pubblici e privati (ma anche scuole e ospedali) al quale il Comune di Lucera, proprietario dell’immobile, pare abbia intenzione di partecipare, anche perché si tratta di almeno 200 milioni di euro messi a disposizione dai Por Puglia.
Il raggio di azione è veramente ampio, perché sono possibili interventi di vera e propria ristrutturazione esterna e sugli impianti interni, oltre ovviamente al miglioramento dei consumi, con una spesa per ogni fabbricato fino a 5 milioni di euro. Una quota del fondo di 8 milioni è riservata a edifici collocati sui Monti dauni. 
Tuttavia Palazzo Mozzagrugno non ha la disponibilità diretta dell’edificio, per cui è cominciata una delicata ricerca di tutti i permessi necessari alla presentazione della candidatura. Nei giorni scorsi ci sarebbe stato pure un incontro tra il sindaco Antonio Tutolo e il presidente del tribunale del capoluogo, il quale non avrebbe sollevato obiezioni sulla proposta che comunque deve passare al vaglio della Commissione Manutenzione del tribunale di Foggia, quella in cui siedono anche rappresentanti di avvocati, magistrati e personale in servizio. 
Secondo quanto trapela a Corso Garibaldi, l’intenzione sarebbe quella di destinare il secondo piano della struttura come nuova sede dell’ufficio del Giudice di pace, trasferendolo da Palazzo De Troia dove quindi nascerebbero altri spazi a disposizione del Comune. 

r.z.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.