10/03/2017 1.00.59

il Nostro Parlare

Chi poi dice al fratello: “Stupido”, dovrà essere sottoposto al sinèdrio; e chi gli dice: “Pazzo”, sarà destinato al fuoco della Geènna.

Ascolto i discorsi della gente per strada, in ufficio, alla televisione, in famiglia...
E mi rendo conto di come il linguaggio è "usato" spesso per aggredire il prossimo, per farlo sentire isolato ed escluso.
Quanta violenza c'è nel nostro parlare oggi!
Eppure il dialogo, il parlare dovrebbe essere un confronto fra le parti ed invece diventa un affronto.
Gesú lo sa bene, sa che il nostro linguaggio viene dal cuore, dai sentimenti che coltiviamo in noi. Carissimi, il Vangelo ci porta alla Verità:
Anche le parole uccidono, non solo le parole cattive ma anche quelle insinuazioni che portano a generare giudizi cattivi.
 Riconosciamolo, è una Parola del Vangelo che ci coglie, che coglie in fallo il nostro parlare e anche il nostro desiderio di ascoltare parole e discorsi aggressivi.
Il linguaggio del cristiano è vero, cristallino, che non sporca, che non ammazza ma che guarisce.
Sí, c'è la parola che ferisce e che ammazza e c'è la Parola che guarisce, la Parola che viene dallo Spirito Santo che vive in ogni cristiano. 
Bè, potresti in questo cammino quaresimale rivedere il tuo parlare, i tuoi discorsi e rivestirli...di vita!

Michele Cuttano

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0117s.