13/03/2017 0.00.12

Solitudine e silenzio/2

Il silenzio è d’oro. Quest’affermazione l’apprezziamo quando ci si sente coperti di parole, parole, parole, fiumi di parole. La lingua, secondo l’apostolo Giacomo, è una bestia selvaggia che nessuno ha mai potuto domare. I danni della lingua sono innumerevoli e gravi. La lingua è di una vivacità così precipitosa che, appena si riscalda, valica tutti i confini della modestia, simile a scintilla che dà fuoco a un’immensa foresta. Come dispiacciono gli incendi dolosi estivi forse si dovrebbe porre molta più attenzione agli incendi quotidiani della lingua!

Leonardo Catalano

 

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.