18/03/2017 0.00.12

La preghiera/3

Gesù non ci fa partecipi solo di una preghiera ufficiale e pubblica come la liturgia. Infatti «i Vangeli parlano della sua preghiera solitaria nella tranquillità della notte, sulla cima dei monti nel deserto, lontano dagli uomini. […] Durante la preghiera sul monte degli Ulivi si preparò a salire sul Golgota e ciò che egli in questa gravissima ora della sua vita chiese al Padre ci è stato trasmesso in alcune brevi parole, che possono guidarci come stelle nell’ora della nostra agonia: “Padre, se vuoi, allontana da me questo calice; però non la mia, ma la tua volontà sia fatta” (Lc 22,42). Queste parole sono come un lampo che per un momento illumina la vita più intima dell’anima di Gesù, il mistero insondabile del suo essere umano divino, i suoi dialoghi con il Padre, dialoghi che sicuramente continuarono ininterrottamente per tutta la vita. Cristo pregava non soltanto quando si allontanava dalla folla, ma anche quando si trovava tra gli uomini» (Teresa Benedetta della Croce, Sui sentieri della verità, Paoline, Cinisello Balsamo 1991, 222-225). Cerco uno spazio, giorno per giorno, per illuminarlo di stelle e lampi dell’amore di Dio incarnato nel volto di Gesù.

Leonardo Catalano

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.