31/03/2017 7.53.35

Scontro frontale sulle strade lucerine

Dopo i verbali da 848 euro elevati dalla polizia municipale, e la ricognizione tecnica sul territorio cittadino, ora arriva addirittura un’ordinanza ad elevare ulteriormente la contesa tra il Comune di Lucera e Acquedotto pugliese a proposito del rifacimento delle sedi stradali dopo lavori di scavo idrico e fognario.
Il provvedimento è stato emanato dal sindaco Antonio Tutolo che dà 30 giorni di tempo all’ente barese per “ripristinare alla perfezione i tratti di strada (e relativi manti stradali) oggetto di loro interventi di manutenzione e riparazione delle condotte idriche al fine di eliminare pericoli e/o insidie per la circolazione stradale ed incolumità pedonale”.
Si tratta di una disposizione che realisticamente è destinata a finire in tribunale, con una possibile impugnazione da parte di Aqp che comunque evidenzia delle oggettive difficoltà a rimettere a posto le cose dopo un intervento nel sottosuolo. 
Il risultato (non solo a Lucera in realtà) sono strade dissestate, buche, fossi e sconnessioni che peraltro sono pure fonti di contenziosi (puntualmente perdenti) per Palazzo Mozzagrugno e quindi per l’intera collettività.
La storia degli ultimi anni e anche quella recente riportano situazioni a dir poco scandalose che ogni Amministrazione comunale ha cercato di affrontare, finora senza essere riusciti a trovare mai una soluzione efficace. Quella proposta dalla Giunta Tutolo, ancora tutta da verificare nella sua validità, è lo scontro frontale, con ipotesi di giudizio civile questa volta avviato direttamente da Palazzo Mozzagrugno.

Un rifacimento effettuato al quartiere Lucera 2

Nel frattempo, la Giunta Tutolo ha modificato parzialmente l’elenco delle strade per le quali è previsto un programma di interventi: restano confermati i tratti su Via Troia SP.109, Via Biccari, Via Col di Lana SP.130, Via San Severo SP.109, Via Appulo Sannitica, Via Campanile, Via Carmine Vecchio e Via La Cava, mentre si aggiungono Via Porta Foggia (tratto dalla rotonda Conad a Piazza di Vagno) e viale Ovidio. Per il momento restano quindi escluse Strada vicinale Pontalvanito Santa (C.da Pampanelle), C.da Mezzanelle (Traversa interna lungo SS 17) e C.da Centrogallo. 

r.z.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.