06/04/2017 8.03.21

Allerta in città per truffe di falsi venditori

Le voci come sempre sono uno spunto, e giravano in città già da qualche giorno. Poi tutto è cominciato materialmente con il sindaco di Lucera che ha dato eco su Facebook alle segnalazioni arrivate a lui.
E così è partita la macchina del passaparola attraverso i social e i messaggi via cellulare che sta creando una sorta di allerta collettiva in cui viene coinvolta tutta la città. 
“Mi giungono segnalazioni che girano sedicenti venditori di energia, gas, etc., i quali sostengono di avere una sorta di benedizione da parte del Comune. Sappiate che il Comune non ha nulla da spartire con costoro, pertanto non esitate a mandarli a quel paese affollato”, aveva scritto Antonio Tutolo meno di una settimana fa. 
E da allora il suo post è rimbalzato di bacheca in bacheca in un moltiplicarsi di commenti, molti dei quali contenenti altre segnalazioni.
Alcune sono state inviate anche a Luceraweb, da parte di lucerini che parlano soprattutto di sospetti addetti al controllo del contatore del gas e della luce e, in qualche caso, lamentano omertà da parte dei vicini di casa.
Molti su Facebook dicono di aver seguito il consiglio di non aprire la porta di casa a sconosciuti e di aver notato che questi falsi venditori avrebbero l'accento di un’altra zona della Puglia, prevalentemente barese, o che addirittura sarebbero stranieri. 
Ad insospettire è sempre però il fatto che ad inviarli sarebbe l’ente comunale e poi mostrerebbero una certa insistenza nel voler vedere le ultime bollette. Inoltre, a qualche precisa domanda della vittima, darebbero risposte poco plausibili.
Insomma, tanto è il timore che, nel dubbio, non si apre più a nessuno, quindi anche ai venditori onesti, che agli occhi delle persone diffidenti diventano indistinguibili dai furbi. E c’è poco da aggiungere su questo allarmismo diffuso, visto ciò che quotidianamente riportano le cronache provinciali e nazionali, con anziani spesso bersaglio di truffatori di ogni genere. 
La sensazione di non essere protetti abbastanza contro questi imbroglioni che si aggirano di quartiere in quartiere ha portato molti cittadini di Lucera a usare il cellulare per fotografare o riprendere chiunque risulti sospetto, con tanto di segnalazioni riportate alle forze dell’ordine che però invitano a non creare allarmismi. 
E quante siano state effettivamente le vittime in città di questo tipo di truffa non è ancora noto, mentre tante persone dicono di aver fatto come ha raccomandato il sindaco, e hanno regalato biglietti di sola andata per quel paese.

c.g.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.