19/06/2017 7.55.02

Case in provincia tra vendite e quotazioni

Ancora in crescita il mercato residenziale nella regione Puglia, con un volume transazioni che passa da 27.127 nel 2015 a 31.651 nel 2016, con un incremento del 16,7%.
Gli incrementi sono stati sostenuti in tutte le province, con un picco di oltre il 25% nella provincia BAT. Si conferma in leggera controtendenza la città di Bari, dove l’incremento si assesta al 7%.
La crescita delle compravendite ha riguardato tutte le classi dimensionali in tutte le province. A livello regionale risultano maggiormente scambiate le abitazioni di media dimensione e, con valori quasi coincidenti, quelle di piccola e medio-piccola dimensione.
La riduzione dei prezzi ha favorito l’incremento delle transazioni. Rispetto al 2015 si registra infatti un decremento generalizzato delle quotazioni prossimo al 1,1% a livello regionale. Il decremento risulta meno accentuato nei capoluoghi di provincia, fatto salvo il comune di Foggia, dove le quotazioni sono scese del 5,21% rispetto al 2015.
Il valore medio delle abitazioni nei capoluoghi di provincia si aggira intorno a €/m2 1.350, la quotazione più alta si registra a Bari (€/m2 1.700) mentre quella più bassa a Lecce (€/m2 978).

Nella provincia di Foggia il mercato immobiliare è abbastanza dinamico, con un totale di 4.894 transazioni nell’anno 2016, di cui circa un quarto concentrate nel capoluogo. Nel 2016 il mercato immobiliare residenziale ha segnato un trend positivo, registrando, rispetto all’anno 2015, un incremento delle transazioni normalizzate, a livello provinciale, del 15% circa.
Infatti, ad eccezione della macroarea Fascia Nord-Ovest che ha segnato una contrazione del numero di transazioni pari all’11,17%, in tutte le altre macroaree si sono registrati incrementi variabili dal 10% al 30% circa, con un aumento più contenuto nei paesi del Subappennino Dauno, notoriamente caratterizzato da un mercato poco dinamico.
Si può inoltre rilevare una diminuzione generale delle quotazioni degli immobili residenziali, più significativa nel capoluogo.
Solo nei comuni compresi nella macroarea denominata Testa del Gargano i prezzi sono risultati pressoché stabili.
Le quotazioni medie più elevate si registrano nelle macroaree “Fascia Costiera sud-est” e “Testa del Gargano”, caratterizzate dalle località garganiche con spiccata vocazione turistica.

c.s.

Clicca qui per scaricare le statistiche in Puglia

 

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0161s.