01/08/2017 22.51.53

Il Consiglio comunale degli esordi

È stata una seduta con diversi esordi quella del Consiglio comunale di oggi pomeriggio dove anzitutto ha fatto il suo ingresso Maria Pia Preziuso, neo esponente di maggioranza (settimo eletto della lista “Lucera 2.0”) al posto di Michele Marucci, nel frattempo divenuto assessore a seguito delle dimissioni di Francesco Di Battista. 
Proprio Marucci ha tenuto una sorta di discorso programmatico sulle deleghe da lui detenute, specie Trasporti e Servizi Sociali che tanti problemi stanno presentando negli ultimi anni.
Nuovo anche il collegio dei Revisori dei Conti che sarà presieduto da Ivan Cardascia di Bari, mentre gli altri componenti saranno Serafina De Biasi di Laterza e Gianfranco Trombetta di Apricena, tutti sorteggiati a maggio scorso in Prefettura. L'organismo sarà in carica per i prossimi tre anni. 
Sul tema economico il primo provvedimento in materia è stato il riconoscimento da parte della maggioranza di altri undici debiti fuori bilancio per un totale di circa 41 mila euro.
Nell'occasione è stata approvata all'unanimità la richiesta, promossa in prima battuta in Consiglio provinciale, di istituire in Capitanata una sezione staccata di Corte d’Appello, Direzione Distrettuale Antimafia e Direzione Investigativa Antimafia. Per l'eventuale allocazione è stata candidata, su proposta del consigliere provinciale Giuseppe Pitta, proprio Lucera con il suo Palazzo di giustizia chiuso ormai da quattro anni. 
Molto difficile che ciò possa avvenire, anche perché sono note le pretese centralistiche dell'Amministrazione della Giustizia sul capoluogo. Più realistica l'ipotesi rivelata dal sindaco Antonio Tutolo di doverne destinare almeno una parte all'ufficio del Giudice di Pace le cui esigenze operative stanno crescendo visibilmente negli ultimi tempi.

r.z.
 

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.