08/08/2017 16.10.54

Un milione per togliere i rifiuti dalle campagne

Sono una cittadina che inizialmente ero daccordo per la raccolta differenziata, adesso non più, anzi sono irritata e disgustata. Non va bene, ma non solo per colpa dell'Amministrazione ma anche per colpa di noi cittadini incivili, oltre al fatto che la ditta dei rifiuti e gli operatori ecologici non fanno del tutto o non bene il loro lavoro. 
Su via Troia sono state messe le telecamere, ma nella zona Centrogallo che è abitata da diverse famiglie che pagano le tasse, vi assicuro che oramai parte dei terreni sono una discarica a cielo aperto. I cassonetti vengono svuotati solo 3 volte la settimana (2 cassonetti) e spesso la matttina i rifiuti che la gente deposita a terra perchè i cassonetti sono stracolmi. 
Le strade interne sono impraticabili, vi sono buche grandissime. Vi assicuro che è una zona dove abitano diversi bambini.
Si chiede all'Amministrazione di mettere delle telecamere onde evitare che gente incivile si comporti male. 
Anna

Evidentemente qualcuno a Bari ha ascoltato le sue lamentele anche prima che le pubblicassimo oggi stesso, perché proprio poco fa la Regione Puglia ha annunciato lo stanziamento di un milione di euro per tutti i comuni a vocazione turistica che hanno bisogno di una raccolta straordinaria in quelle zone come svincoli stradali, strade comunali, tratti di campagna particolarmente difficili, che sono state compromesse dall’abbandono, da parte di cittadini o turisti, di rifiuti. Non è chiaro se il Comune di Lucera possa attingere da questi fondi, ma nel frattempo resta in piedi una questione di grande importanza e delicatezza, anche perché pare che nemmeno le foto trappole riescano ad arginare.  
“Nel giro di 3-4-5 giorni al massimo dobbiamo dare una ripulita generale alla Puglia intera – ha commentato il Governatore Michele Emiliano e se tutti faranno la propria parte possiamo rimettere a lucido l’intera regione e non fare la brutta figura, in questo momento, di ospitare milioni e milioni di turisti in condizioni che alle volte compromettono bellezze straordinarie. Un uliveto secolare con le bottiglie di plastica sotto è una distruzione, perché trasmette un senso di una inciviltà che invece in realtà noi non viviamo”.
Il passaggio successivo è comprendere che queste necessità i cittadini le reclamano tutto l’anno e non solo nel periodo estivo.

 

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0117s.