02/09/2017 0.00.12

Alla sorgente divina della fede

«Poiché credete, sarete riempiti di una gioia incrollabile» (1Pt 1,8). Tutta la felicità si attinge alla sorgente divina della fede. Essa crede all'amore che Dio ha avuto per lei, «crede che questo stesso amore lo ha attirato sulla terra e nella sua anima; perché colui che si è chiamato “Verità” ha detto nel Vangelo: “Restate in me ed io in voi”. Allora, con tutta semplicità, essa obbedisce a un comandamento così dolce e vive nell'intimità con quel Dio che in lei dimora, che le è più presente di quanto non sia essa a se stessa» (Elisabetta della Trinità, Scritti, Edizioni OCD, Roma 2013, 411-413).

Non lasciamoci rubare la gioia.

Leonardo Catalano

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.