11/09/2017 11.31.29

Tutolo ‘senza speranze’ per Via Frisoli

Oltre all’acqua, sono state le polemiche e le proteste a ingrossare nel fine settimana il fiume della discussione intorno al fenomeno degli allagamenti registrati ancora una volta in fondo al quartiere Cappuccini. Piogge di una certa intensità provocano immancabilmente lo stesso fenomeno: tombini saltati e disagi alla circolazione l’evidente mala gestione del deflusso che poi finisce, misto a liquami della fogna nera, nei pressi di alcune abitazioni ed esercizi commerciali. Residenti e proprietari in Via Frisoli hanno detto di non farcela più a sopportare una situazione che incide anche sugli aspetti igienico-sanitari, senza contare che il sistema delle caditoie non ha alcun efficacia perché sono poste al lato opposto della strada. 
Sollecitato praticamente in prima persona, anche attraverso i social, il sindaco Antonio Tutolo ha fornito una risposta non molto incoraggiante: “Il fenomeno è legato agli allacci abusivi dei pluviali nella fogna nera – ha riferito a Luceraweb - e quindi a una diffusa illegalità degli stessi residenti della zona. Non è semplice individuare quali sono i soggetti che hanno commesso tali nefandezze, poiché il contenuto della fogna nera sale quando piove, e quindi significa che entra acqua piovana e non avendo la tubazione capace per contenere entrambe, fuoriesce. Se cominciassero ad arrivare segnalazioni sarebbe più facile, ma nessuno vede mai nulla. La soluzione non è a portata di mano perché il Comune non può fare alcuna opera per risolvere quel problema”.
Immediata la replica dei residenti che hanno annunciato il ricorso a un legale per far valere i propri diritti: “Visto che non si trova chi ha fatto il furbo – hanno dichiarato a Luceraweb – allora noi dobbiamo sopportare per sempre quello schifo, anche perché la soluzione tecnica ci sarebbe ma evidentemente non si vuole farla. Bisogna scavare e allargare la portata della condotta”.

r.z.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.