27/09/2017 16.34.42

Riduzione idrica annunciata da Aqp

L’evidente periodo di siccità che sta investendo anche la Puglia sta pure causando la progressiva riduzione di risorsa alle fonti. E così Acquedotto pugliese annuncia l’attuazione di manovre di regolazione idraulica nelle reti, in accordo con Autorità Idrica Pugliese, Regione Puglia e Autorità di Distretto dell’Appennino Meridionale.
La riduzione della pressione comincerà giovedì 28 settembre senza, per ora, una data di scadenza, sulla base della effettiva disponibilità idrica rispetto alle medie storiche. L’ente barese ha comunque assicurato i livelli minimi previsti dalla Carta dei Servizi, visto che disagi potranno essere avvertiti nei piani alti degli stabili sprovvisti di autoclave o con insufficiente capacità di riserva.
La stessa Regione Puglia, nei mesi scorsi, aveva emesso un decreto per l’emergenza idrica, disponendo il divieto di utilizzare l’acqua potabile per usi impropri. Attualmente nell’invaso di Occhito si registra una capienza (70 milioni di mc) esattamente dimezzata rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

“Le attuali, persistenti, condizioni metereologiche impongono una attenzione ancora maggiore – hanno fatto sapere da Aqp - e ulteriori misure di prevenzione che coinvolgono tutti: l’azienda, le istituzioni, i cittadini, questi ultimi in particolare chiamati a piccoli gesti quotidiani finalizzati a preservare l’acqua. Comportamenti virtuosi ai quali Acquedotto Pugliese raccomanda di associare la dotazione di un impianto idrico interno adeguato ai propri fabbisogni e provvisto di autoclave o booster, per un utilizzo ottimale del servizio. AQP ricorda che eroga il servizio al contatore, garantendo normalmente una pressione superiore alla minima di 0,5 atmosfere, prevista dalla Carta dei Servizi. Con le regolazioni programmate e la riduzione della pressione verso la soglia limite, l’acqua difficilmente raggiungerà i piani alti delle abitazioni”.

f.g. 

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0322s.