31/10/2017 18.16.41

A Lucera il Festival della cozza tarantina

Le diverse anime della Puglia si incontrano a tavola, in una serata tra “numeri primi”: è la prima tappa della XIV edizione del ‘Festival italiano della Cucina con la cozza tarantina’, organizzato dal Centro di Cultura Renoir di Taranto, che vede come elemento portante e caratterizzante proprio la cozza tarantina, rielaborata e rivisitata nelle proposte gourmet dei vari chef che si sfideranno in una gara culinaria a colpi di gusto e creatività.
Per la prima volta, il festival itinerante ideato dal cavalier Cosimo Lardiello, presidente del Centro Renoir, arriva in Capitanata e in particolare a Lucera, con la formula “cinque chef per cinque pietanze”. Cinque maestri della cucina presenteranno ad un pubblico autorevole e di settore le rispettive proposte gastronomiche nell’elegante sala banqueting dell’Apulia Hotel Palace Lucera, durante una raffinata cena-spettacolo in programma il prossimo 6 novembre (inizio ore 20:00). 
L’idea alla base della manifestazione è quella di valorizzare e promuovere il turismo pugliese, che vede nell’enogastronomia, e nei frutti della terra e del mare, uno dei suoi punti di eccellenza.
Per la prima serata del Festival si presenteranno gli chef Nicola Altavilla del ristorante “Antico Frantoio” di Leporano (Taranto), Mirko Ricci del Park Hotel Ricci di San Giorgio del Sannio (Benevento), Antonio Napolitano di Villa Partenope (NA), Salvatore Abruzzese (NA), Marco D’Alessandro (NA) e Ciro Delluongo (NA). 
Ispettori nelle cucine, per l’occasione, saranno gli Executive Chef Alessandro Angiola dell’Hotel Apulia Palace Lucera e Nicola Ricci del Park Hotel Ricci di San Giorgio del Sannio (BN), con lo chef Ciro Delluongo (NA). 
L’evento coincide con il momento di rilancio della struttura di Lucera, ora sotto l’egida della catena alberghiera ‘Apulia Hotel’ dei foggiani Gaetano Colavita e Antonio Vivo, interamente rinnovata nel management e nella filosofia dei servizi e dell’accoglienza.
“I princìpi che ispirano il ‘Festival della Cucina con la cozza tarantina’ si sposano perfettamente con l’idea di accoglienza che caratterizza il nuovo corso della struttura”, spiega Gaetano Colavita. “Puntiamo ad una cucina sana, in grado di valorizzare le materie prime del territorio, con creatività ma sempre nel rispetto della dieta mediterranea, per un benessere che parte dalla tavola per aprirsi al mondo wellness”. 
La serata inaugurale del Festival godrà dell’intrattenimento musicale del Maestro Angelo De Maio, di San Marco in Lamis.

La cena-spettacolo è aperta al pubblico (prenotazione obbligatoria entro e non oltre il 2 novembre): a fronte del ticket di ingresso di 30 euro, sarà possibile gustare l’intero menù proposto dagli chef; ogni pietanza sarà abbinata ai vini della cantina Don Camillo, tra cui il prestigioso ‘Inno alla gioia’, un Primitivo di Manduria Dop, medaglia d’oro ai Mondiali di Bruxelles 2017.
Il momento della cena sarà preceduto da una tavola rotonda tematica (“Le pietanze nella memoria”, con relazione del prof. Gavino Maresu, già docente di Gestione delle imprese e degli eventi turisti Università degli Studi di Genova), cui parteciperanno esponenti del mondo accademico, esperti enogastronomici e giornalisti di settore, tra cui Espedito Alfarano, direttore di Gazzettaeconomica.com. 
Presenti, tra gli altri Gaetano Colavita e Antonio Vivo di Apulia Hotel, insieme al Sales Manager della catena Domenico Gadaleta, al Direttore Operativo Apulia Hotel Gianni Scidurlo e all’Executive chef Alessandro Angiola.

f.g.

Per info e prenotazioni:
Email: lucera@apuliahotel.it340.8944434

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.