11/11/2017 8.05.54

Il Vangelo dei ragazzi: STO CERCANDO L’OLIO…

I Vangeli che ascolteremo nelle prossime domeniche in Chiesa servono a prepararci ad un periodo importante che si avvicina: l’Avvento.
Lo so che quando si pronuncia la parola avvento subito scatta la molletta in testa che dice: “Natale, arriva Natale”. Bè, un po’ è vero che arriva il Natale ma dobbiamo prepararci, potremmo pensare (guardando troppa televisione) che la festa del Natale sia la nascita di babbo natale.
Il Vangelo ci presenta un racconto con dieci gentili signorine che hanno un appuntamento con lo sposo. E’ chiaro che, a quest'incontro, queste dieci vergini si preparano.
Sarà capitato anche a voi di andare a un appuntamento importante, magari con i vostri genitori e vi siete vestiti per bene, nà bella pettinata, pure nà lavata d'orecchie e persino cambio di calzini. Insomma queste dieci signore si sono preparate per bene per accogliere lo sposo che arrivava di notte. E, dato che arrivava di notte, si erano pure portate delle lampade, si dovevano far vedere.
Devo dirvi che le lampade di un tempo avevano bisogno di olio per mantenersi accese e quindi far luce.
Cinque di queste signore, per prudenza, perché ci tenevano molto ad incontrare lo sposo, si erano portate pure una bella riserva di olio, lo sposo poteva ritardare e senza la lampada accesa non le avrebbe viste.
Altre cinque invece non avevano portato nessuna riserva di olio.
Quando si dice la combinazione: lo sposo ritarda e le lampade delle vergini senza riserva di olio si spengono….
Che fanno secondo voi?
Corrono a comprare altro olio e proprio mentre loro sono alla ricerca di olio arriva il principe…..
Patatrac, rimangono senza sposo!
Facciamo per un attimo finta che siamo noi quelle signore che vogliono incontrare lo sposo e che lo sposo sia Gesù.
Secondo voi, quale sarebbe l’olio che dovremmo portare in abbondanza per incontrarci con Cristo?
Olio extra vergine di oliva?
No, troppo facile…….
C’è un olio che non si vende e non si compra in nessun supermercato.
Cari ragazzi, è un olio che ognuno di noi può produrre in abbondanza tutti i giorni e che tiene le lampade accese. E’ l’olio delle buone azioni, il fare il bene in ogni posto della nostra vita.
Fare il bene a scuola, in famiglia, con gli amici…
E chi la spegne più una lampada che funziona con l’olio extra vergine delle nostre buone azioni!
Penso che abbiate capito come cominciare a prepararvi      

Michele Cuttano, diacono, servo inutile

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.