30/11/2017 0.00.12

La Vergine Maria/27

L’intimità di Maria si caratterizza per essersi fatta un dono di amore per i fratelli dopo aver incontrato colui che fa grandi cose in chi lo accoglie interamente nella sua vita. «Anche la sua preghiera, come quella di lui, fu sempre questa: “Ecce – Eccomi!”. Chi? “L’ancella del Signore”, l’ultima delle sue creature, lei, la sua Madre! Fu così vera nella sua umiltà perché fu sempre dimentica, ignara, libera di se stessa e così poteva cantare: “L’Onnipotente ha fatto in me cose grandi. Ormai le nazioni mi chiameranno beata”» (Elisabetta della Trinità, Scritti, Edizioni OCD, Roma 2013, 771-773).

Coraggio, senza paura, camminiamo incontro al Signore donando la vita ai fratelli in necessità.

Leonardo Catalano

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0176s.