30/11/2017 0.17.21

Scontro aperto sullo svincolo della SS.17

Sarà il dirigente ai Lavori pubblici e Mobilità della Regione Puglia a fornire una risposta possibilmente definitiva alla querelle che sta andando avanti da tempo tra il Comune di Lucera e l’Anas, a proposito dello svincolo sulla SS.17. La vicenda riguarda la sicurezza dell’infrastruttura su cui Palazzo Mozzagrugno ha sollevato seri dubbi fin dalla sua inaugurazione di ottobre 2015, tanto che poi la contesa epistolare è sfociata in un’ordinanza di agosto 2016 del sindaco Antonio Tutolo che l’ente ha impugnato davanti al Tar.
E i giudici, nell’ultima udienza del 7 novembre, si sono trovati di fronte a due versioni completamente contrapposte tra le parti, per cui hanno incaricato l’alto funzionario regionale di rispondere a due precise domande: qual è il reale stato dei luoghi e dei lavori e se lo svincolo risulti attualmente pericoloso per la viabilità pubblica.
La Corte è arrivata a questo punto sulla base di una relazione del comandante della polizia municipale Beniamino Amorico che ha sconfessato quanto affermato dall’Anas in sede giudiziaria, sostenendo di aver adempiuto alle disposizioni ricevute dallo stesso Tar (richieste dal Comune) a febbraio scorso, e cioè quelle di aumentare illuminazione e segnaletica a prescindere dal merito della causa che ora riprenderà a marzo 2018.
“L’Anas non ha integrato l’illuminazione esistente – è scritto nell’ordinanza che riporta la relazione - non ha integrato la segnaletica orizzontale (se non per la creazione di due frecce indicatrici per ingresso Lucera, nei due sensi di marcia), non ha apportato migliorie in prossimità dell'accesso sulla SS. 17 per i veicoli provenienti da Lucera direzione Foggia, non ha eliminato le difformità tra le opere realizzate rispetto al progetto presentato ed approvato dal Comune di Lucera (in particolare la difformità riscontrata in corrispondenza dell'ingresso sulla SS. 17, provenienza Lucera e direzione Foggia)”. 
In buona sostanza, viene chiesto di creare una vera e propria corsia di accelerazione in uscita da Lucera in direzione Foggia e di allargare le vie di accesso dalla Statale per entrambi i sensi di marcia.
Nel frattempo la Prefettura aveva già bocciato la richiesta del Comune di installare un autovelox fisso in direzione del capoluogo, in modo da limitare la velocità su quel tratto in curva che precede l’uscita da Lucera, indubbiamente il punto più criticato dagli automobilisti, perché l’angolo di sbocco rende poco visibile chi sopravviene dalla Statale. 

Riccardo Zingaro

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0137s.