05/12/2017 10.53.26

L’Antologica di Salvatore Lovaglio

Sarà inaugurata giovedì 7 dicembre, alle 18, nella galleria espositiva della Fondazione dei Monti Uniti di Foggia in via Arpi 152, la mostra “Salvatore Lovaglio. Antologica”.
Curata dal critico d’arte Gaetano Cristino, la mostra riassume con 65 opere grafico-pittoriche quasi 50 anni della ricerca espressiva di Lovaglio, volta allo scandaglio del rapporto uomo-natura. 
Sarà possibile ripercorrere non solo la sua singolare poetica, unitaria e nello stesso tempo contrassegnata da una pluralità di approcci linguistici, ma anche approfondire alcuni dei capitoli più interessanti dell’arte del secondo Novecento attraversati dall’artista, dall’informale alla figurazione esistenziale agli esiti ultimi del naturalismo e del cosiddetto realismo informale. 
“Fin dagli esordi, nel 1970 - ha ricordato Gaetano Cristino – la linea espressiva di Salvatore Lovaglio si è sviluppata tra due polarità, astrazione e figurazione, che spesso si ricongiungono, a volte felicemente, a volte drammaticamente, sempre all’interno di un continuum  concettuale che ha come centro della sua attenzione l’indagine sul senso dell’esistenza umana e del suo rapporto con il reale”. 
La mostra è corredata da un catalogo di 128 pagine. Le prime cento copie saranno impreziosite da un’incisione numerata e firmata dall’artista, realizzata per l’occasione.
All'inaugurazione della personale prenderanno parte il presidente della Fondazione, Aldo Ligustro, il curatore della mostra Gaetano Cristino, la direttrice del Ma*Ga (Museo d'arte contemporanea di Gallarate) Emma Zanella e Guido Pensato, poeta e curatore.

f.g.

La mostra rimarrà aperta fino al 20 gennaio 2018, esclusi i giorni festivi, osservando i seguenti orari: da lunedì a sabato, ore 10-13/17-20.
Durante tutta la durata della mostra sarà possibile visitare anche lo studio dell’artista, in Borgo San Giusto, tra Troia e Lucera, autentica factory dell’arte.

Salvatore Lovaglio è nato a Troia (Foggia) nel 1947 e vive e lavora tra Lucera e Milano. Pittore, scultore e incisore, si è formato  nelle Accademie di Belle Arti di Napoli e Foggia ed  ha insegnato in quelle di Brera, a Milano, di Bari e di Foggia. Fondatore del Centro studi e promozione arti visive Mecenate a Lucera, è da sempre impegnato anche nell’organizzazione di attività artistiche e laboratoriali. Svolge attività artistica dal 1973. Le sue opere sono state esposte in Italia e all’estero. Nel 2001 ha realizzato per la Città di Lucera la Colonna monumentale dedicata al Terzo Millennio collocata nel piazzale della stazione. Nel 2011 firma il Manifesto artistico per il XXI secolo Diastema, redatto dal filosofo Romano Gasparatto. Ha partecipato alla 54^ Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, Padiglione Italia, Palazzo delle Esposizioni, “Sala Nervi”, Torino. Nel 2015 ha realizzato per la città di Manfredonia la statua equestre dedicata a Re Manfredi. 

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0293s.