03/04/2018 9.29.16

Novità per il castello e il suo viale

Lucera e Torremaggiore sono piuttosto vicine geograficamente, adesso lo sono ancora di più dal punto di vista turistico, nel nome di Federico II. 
Attorno alla figura dell'imperatore svevo i due Comuni hanno siglato un reciproco accordo di massima che dovrebbe costituire un valore aggiunto in vista di una partecipazione di Palazzo Mozzagrugno a un bando regionale per la valorizzazione di luoghi di grande attrazione culturale. 
"I Comuni intendono avviare una intesa per addivenire ad un accordo di programma che preveda la realizzazione di opere pubbliche o interventi su opere esistenti per valorizzare la figura di Federico II - si legge nel documento preliminare - anche per i rilevanti aspetti culturali e turistici che la presenza di tale personaggio ha determinato nei rispettivi territori".
E con la fortezza da una parte e Castelfiorentino dall'altra i presupposti sembrano incoraggianti per scovare un nuovo filone di finanziamenti che possano ricadere sul più importante monumento cittadino che in realtà ha bisogno di essere anzitutto consolidato nei suoi evidenti e storici problemi di natura strutturale.

Un rendering del futuro Viale Castello

E tanto per rimanere in zona, con l'approvazione del progetto definitivo, a seguito dell'ottenimento di tuttti i pareri istituzionali necessari, c'è un ostacolo in meno sulla strada del rifacimento di Viale Castello, opera pubblica messa in cantiere dall'Amministrazione Tutolo che in realtà ha dovuto già rivedere lo stanziamento economico nel frattempo lievitato di circa 400 mila euro a causa di complicazioni geologiche subentrate durante gli studi sul posto.
Si era in realtà partiti da 932 mila euro, ricavati da fondi interni e dal dirottamento di altri destinati altrove dalla Giunta Dotoli, con uno scenariorealizzato all'architetto lucerino Amedeo Ieluzzi che aveva vinto il concorso di idee bandito dalla Giunta Tutolo. 
A Corso Garibaldi assicurano l'esistenza della completa copertura finanziaria, nonostante il successivo imprevisto, per cui il prossimo passaggio saranno la redazione del progetto esecutivo e soprattutto, tutt'altro che semplice, la gara di appalto per l'effettuazione dei lavori.

r.z.
 

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.