08/04/2018 21.28.01

I Santi nella provincia foggiana del ‘700

Teologia, storia, cultura, costumi e società. Sono gli elementi che caratterizzano un’importante iniziativa organizzata dalla comunità dei frati minori conventuali della basilica-santuario di San Francesco Antonio Fasani a Lucera, assieme all’omonimo Comitato che opera al suo interno. 
L’appuntamento è per le giornate dell’11 e 12 aprile con un grande convegno di studi nella biblioteca di San Pasquale, intitolato “Il santo e la sua città – Impronta francescana nella Capitanata del Settecento”.
Per l’occasione, sono stati invitati importanti studiosi, religiosi e laici, a trattare argomenti che interessano tutti gli aspetti del territorio della provincia di tre secoli fa, quando figure di grande spessore morale e spirituale hanno illuminato il loro tempo con vita e opere. 
In effetti l’attenzione sarà tripartita sullo stesso Fasani, primo santo della Capitanata in ordine cronologico e canonizzato il 13 aprile 1986, ma anche sul beato Antonio Lucci, suo amico fraterno, originario di Agnone e vescovo di Bovino per 20 anni, del quale l’anno prossimo ricorrono i 30 anni dalla beatificazione avvenuta il 18 giugno 1989. Entrambi elevati agli onori degli altari da Giovanni Paolo II. 
La terza figura sarà Sant’Alfonso Maria de Liguori, altro coevo dei due francescani e molto considerato e venerato proprio a Foggia e in provincia.
“Si tratta di due francescani, due amici e due maestri di vita a servizio della comunità ieri e oggi – ha spiegato padre Eugenio Galignano, rettore del santuario e ideatore del convegno – per i quali concorrono e si rincorrono date e ricorrenze, come quella recente dell’elevazione del Padre Maestro a compatrono della città di Lucera. Fasani e Lucci sono due figure di pastori che hanno lasciato evidenti segni di santità e dottrina e tra loro si inserisce la figura di Sant’Alfonso, non soltanto per legame di amicizia, ma anche per continuità e identità d’impegno sociale in territori vicini. Entrano tutti e tre nel patrimonio culturale della nostra terra di Puglia. Evidente pertanto l’obiettivo: continuare a promuovere la conoscenza non solo della vicenda biografica e spirituale di quegli uomini illustri, ma anche del valore dottrinale della loro opera a beneficio della convivenza sociale nella Daunia”.

c.s.

Programma e relatori

Prima sessione
Mercoledì 11 aprile 2018

Ore 10,00
Presiede
S. E. Mons. Giuseppe Giuliano - Vescovo di Lucera-Troia

Modera
Sac. Prof. Pio Zuppa - Docente di Teologia Pastorale e Pedagogia della formazione ecclesiale, Istituto Teologico Pugliese

Indirizzi di saluto
Geom. Antonio Tutolo - Sindaco di Lucera

Sig. Michele Dedda - Sindaco di Bovino    

P. Damian Patrascu - Postulatore generale per le Cause dei Santi dell’Ordine dei Frati Minori Conventuali, Roma

P. Vincenzo Giannelli - Ministro Provinciale dei Frati Minori Conventuali di Puglia, Bari

Ore 10,45
Avv. Pippo Agnusdei - Presidente emerito Ordine degli Avvocati di Lucera
Introduzione al Convegno

Ore 11,00
Prof. Luciano Bertazzo, OFMConv, Ordinario di Storia della Chiesa presso la Facoltà Teologica del Triveneto-Padova
Relazione: Gli anni della formazione assisana di Fasani e Lucci: contesto religioso e culturale 

Ore 11,45
Prof.  Saverio Russo, Ordinario di Storia Moderna Università degli Studi di Foggia 
Relazione: Contesto storico-sociale della Capitanata al tempo di De’ Liguori-Fasani-Lucci

Ore 16,00
Prof. Domenico Paoletti, OFMConv, Assisi, Docente di Teologia Fondamentale al Seraphicum, Roma
Relazione: Sulle tracce della Teologia e della Spiritualità del Beato Antonio Lucci

Ore 16,45
Prof. Oreste Bazzichi, Docente di sociologia religiosa al Seraphicum, Roma
Relazione: S. Francesco Antonio Fasani nel solco dell’economia francescana. La funzione e l’apporto differenziato tra due Monti di Pietà in Lucera ad opera del Fasani

Ore 17,45
Prof. Angelo Giuseppe Dibisceglia, Università Pontificia Salesiana di Roma, Facoltà Teologica Pugliese Istituto S. Fara in Bari
Relazione: Alfonso Maria De’ Liguori e Antonio Lucci: due Pastori audaci in un’area difficile


Seconda sessione
Giovedì 12 aprile 2018

Ore 09,45
Celebrazione eucaristica nella Basilica-Santuario 
Presieduta da S.E. Mons. Ciro Fanelli - Vescovo di Melfi-Venosa-Rapolla

Sala Convegno: Biblioteca Comunale S. Pasquale

Presiede
S. E. Mons. Ciro Fanelli
    
Moderano
Prof. Pompeo D’Andrea - già Docente di Lettere Classiche  
Prof. Don Leonard Kamanzi - già Docente di Filologia ed Esegesi del Nuovo Testamento 

Ore 10,45
Mario Villani, OFM - Direttore Biblioteca S. Marco in Lamis
Relazione: Ministero episcopale e impronta francescana nell’antica Diocesi di Bovino 

Ore 11,30
Eugenio Galignano - OFMConv, Lucera
Relazione: L’opera del Fasani “Excerpta ex Sacra Scriptura pro praedicatoribus verbi Dei utilia valde”. Impianto e temi dominanti

Ore 15,30
Prof. Felice Autieri, OFMConv - Docente Storia della Chiesa moderna e contemporanea  a Napoli, e di Storia Francescana presso l’Istituto teologico di Assisi
Relazione: Il titolo di “Padre Maestro” nella organizzazione degli studi accademici dell’Ordine Francescano. Dati storici e meriti personali del Fasani

Ore 16,15
Dr. Rocco Marino - (Relatore a cura del Circolo Culturale Florestano Rossomandi, Bovino) 
Relazione: Iconografia sul Beato Antonio Lucci nell’antica Diocesi di Bovino e nella Città natale di Agnone. Antico e nuovo sull’intreccio tra corruzione e usura

Ore 17,15
Dr. Giovanni Aquilino - Sociologo, Bari 
San Francesco Antonio Fasani Protettore speciale delle Confraternite della Diocesi di Lucera-Troia. Ragioni e prospettive

Ore 18,00
Prof. Mario Tibelli - Dirigente Scolastico, Lucera 
Relazione: Ragioni e significato culturale della promozione del Fasani a compatrono della Città di Lucera

Ore 18,45
Prof. Pio Zuppa
Conclusione: Temi emergenti dall’itinerario del Convegno

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Articoli correlati:


-La schede del Fasani e del Lucci


Condividi con:

0,0156s.