11/04/2018 8.58.54

Le trovate di Tutolo per la Villa comunale

Di piscina non se ne parla più, ma nello stesso luogo prendono forma (sulla carta) altre attrazioni pensate e concepite per la Villa comunale di Lucera, dove la Giunta Tutolo vorrebbe realizzare un “Parco avventura” nell’area del vecchio parco giochi oggi interdetta, e soprattutto, a poca distanza, una “zip line” che colleghi il Belvedere con colle Albano, e nello specifico Viale Caduti di Nassiriya (più o meno a metà strada) con il boschetto alle immediate pendici del lato nord della fortezza svevo-angioina.
La zip line è un cavo d’acciaio sospeso nel vuoto, poggiato su due piattaforme che costituiscono anche la partenza e l’arrivo di un percorso molto in voga negli ultimi anni, capace comunque di garantire spettacolo e adrenalina per chi intende farsi legare al cavo e provare questa esperienza di volo. In Italia ne esistono meno di una decina, ma a Rocca Massima (nella foto), in provincia di Latina, c’è quella più lunga al mondo: 2.250 metri di lunghezza da scendere a 150 chilometri orari. 
Ma a spaventare non è solo la sensazione che si potrebbe provare, bensì anche la cifra stanziata di 270 mila euro, budget indicato espressamente da una delibera che il sindaco Antonio Tutolo si è affrettato a difendere.
“Si tratta di una somma indicativa perché in realtà non sappiamo bene quanto costa una struttura del genere – ha affermato a Luceraweb – anche se una prima idea ce la siamo fatta e pare che si possa spendere molto molto meno per i circa 500 metri di distanza tra le due estremità. A ogni modo si tratta di un’attrazione che si ripagherebbe da sola in poco tempo perché si stimano arrivi per migliaia di persone all’anno, desiderose di ammirare da un punto di vista privilegiato uno scenario che pochi comuni possono vantare. La nostra idea è di includere nel costo del biglietto (20 euro quello ipotizzato, ndr) anche l’ingresso al castello”.

La zip line dovrebbe collegare la Villa comunale con colle Albano, sotto il castello

Suggestione per alcuni, boutade elettorale per altri, non ha trovato invece alcuna contestazione, anche economica per i 120 mila euro indicati, l’idea più realistica di un parco avventura che arricchisca quella zona della Villa, anche perché si tratta di complessi molto frequentati e piuttosto apprezzati dalle famiglie che possono spaziare su percorsi diversi e su adeguata offerta eno-gastronomica. 
“Naturalmente sono strutture che il Comune affiderà all’esterno per la loro gestione – ha aggiunto Tutolo – poiché non abbiamo alcuna risorsa per svolgere attività che i privati farebbero sicuramente meglio”.

r.z.
 

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.