12/04/2018 11.19.40

Il Consiglio senza nuove tasse

Il primo Consiglio comunale a Lucera nel 2018 ha fatto registrare anzitutto l’ingresso di un nuovo membro nella maggioranza, con Francesca Ricucci che ha preso il posto di Paolo D’Aries, dimessosi all’inizio dell’anno.
La seduta ha offerta diversi argomenti di carattere tecnico e politico, con il riconoscimento di cinque debiti fuori bilancio per un totale di circa 14 mila euro, e il rinnovo dell’adesione alla Stazione Unica Appaltante, organismo installato alla Provincia di Foggia che gestisce praticamente tutti i grandi appalti di competenza di Palazzo Mozzagrugno.
“Ero critico quattro anni fa e oggi lo sono ancora di più – ha dissentito l’esponente della minoranza Fabio Valerio che comunque ha votato favorevolmente – poiché questa soluzione esterna ci costa di più e ci rende di meno. Esempio emblematico è la gara sulla gestione dei rifiuti ferma da due anni. E’ chiaro che si tratta di un organismo non è all’altezza dei compiti e delle aspettative, per una serie di ragioni che sono sotto gli occhi di tutti”.
L’aula ha poi approvato all’unanimità l’adeguamento delle tariffe per il trasporto idrico, secondo le disposizioni dell’Autorità idrica, mentre sul fronte dei tributi sono state confermate tutte le condizioni, aliquote e detrazioni relative a Imu, Tasi e Tari, con quest’ultima che presenta la sola novità dello sconto del 30% per tutti i soggetti pubblici e privati che dimostreranno di essersi dotati di una compostiera e quindi di differenziare l’umido autonomamente. Il piano finanziario per la gestione dei rifiuti per il 2018 ammonta a 4 milioni e 800 mila euro, sebbene pare sia ormai agli sgoccioli la tanto sospirata aggiudicazione del servizio con il nuovo bando, almeno in via provvisoria. 
“Abbiamo mantenuto le stesse tariffe nonostante da mesi stiamo conferendo la quota di indifferenziato non più a Deliceto ma a Taranto – ha commentato il sindaco Antonio Tutolo – con costi decisamente superiori. Ogni volta che proviamo ad abbassarle, succede qualcosa che ci impedisce di farlo”.

r.z.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.