16/05/2018 8.16.24

Storie di eternit abbandonato e dimenticato

C'erano una volta onduline di eternit abbandonate a pochi metri da una scuola, in pieno centro abitato. E ci sono ancora. A distanza di quasi tre mesi dall'accaduto, i residenti della zona di Via della Pace segnalano che quel materiale è rimasto sul postoè è tornato a essere pericoloso e non è stato più rimosso.
"E' incredibile - raccontano a Luceraweb - come tutto si sia fermato a quella specie di 'messa in sicurezza', cioè la copertura con teli di plastica fermati con alcune pietre. Ora quelle precauzioni sono comprensibilmente saltate a cause delle intemperie, e nel frattempo stiamo aspettando ancora che siano portate vie. Per noi il pericolo non si è mai attenuato, anche perchè ci sono i bambini che trascorrono tante ore al giorno nella scuola che dista cinque metri. Voi ci avete dato una mano nella segnalazione problema, ma a chi ci dobbiamo più rivolgere perchè sia risolto?".
Che le operazioni vadano a rilento è un dato di fatto, perchè a febbraio ci era voluta una settimana solo per intervenire con una prima protezione, ma effettivamente la tempistica comincia a essere imbarazzante. Riesce difficile pensare che tre mesi non siano sufficienti per terminare la procedura di rimozione e smaltimento, attività che la ditta che gestisce i rifiuti deve svolgere con un piano di lavoro concordato con la Asl.

La piccola discarica permanente nei pressi della scuola Rodari, a pochi passi dall'eternit abbandonato

E nel frattempo arriva quasi beffardo un appello ai cittadini da parte del Comune di Lucera che invita a manifestare la volontà di rimuovere elementi di amianto dagli immobili di proprietà privata. L’ente ha promesso di accollarsi i costi di smaltimento, mentre i richiedenti dovranno provvedere a loro spese alla rimozione del materiale.
La domande si possono presentare a mano all’ufficio protocollo o via mail all’indirizzo comune.lucera@anutel.it 
Per l’occasione verrà formata una graduatoria in base all’ordine di ricezione.

r.z.

Maggiori informazioni

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.