04/07/2018 09:08:24

Il bilancio finale dell’annata sportiva

Riposti da qualche settimana i palloni nei rispettivi magazzini, per le società sportive che a Lucera fanno attività senior è tempo di bilanci ma anche di programmazione per l’immediato futuro, visto che la nuova stagione è praticamente già alle porte, almeno in fase di organizzazione delle attività.

Calcio
Il Lucera Calcio ha finalmente vissuto un campionato senza tribolazioni e con qualche soddisfazione, poiché l’obiettivo minimo dei play-off è stato centrato, sebbene in extremis. Appena terminato l’ultimo incontro, però, è già partita la rivoluzione che evidentemente era già pronta, con un cambio netto di tutta la sezione tecnica e sportiva, sia della prima squadra che nel settore giovanile. Probabilmente non si saprà mai cosa sia accaduto veramente, fatto sta che la rinuncia all’allenatore Romeo Mendolicchio è arrivata dopo un solo anno in Via Indipendenza, nonostante avesse dimostrato di valere dal punto di vista tecnico e umano. Al suo posto siederà in panchina Giuseppe D’Angelo, foggiano che vanta il massimo in carriera con la conduzione della Gioventù Calcio Dauna in Eccellenza molisana. Il suo vice sarà Giuseppe Catapano mentre l’allenatore dei portieri sarà Raffaele Zazzera. Nuovo anche il direttore sportivo: Vito Schiavone di Accadia che ha esperienze soprattutto in Campania. Sul fronte giovanile, invece, la guida della formazione Juniores è stata affidata a Christian Carbone, cerignolano che finora ha operato nella sua città di origine, con la supervisione di Giuseppe Floris, nuovo dirigente del settore e proveniente dal Foggia Calcio.
I biancocelesti continueranno a militare in Seconda Categoria, ma gli ultimi anni hanno insegnato che l’andirivieni dei titoli sportivi si registrano fino a un minuto prima della chiusura delle iscrizioni, per cui non è mai esclusa una promozione ottenuta con la carta. 

Pallavolo
Continua in città il dualismo nella pallavolo, con due società che camminano di pari passo senza però incontrarsi praticamente mai dal punto di vista delle attività, magari da condividere per cercare di tornare tutti insieme a palcoscenici che Lucera ha visto e vissuto oltre dieci anni fa con i fasti di Gabriele Patruno.
La Volleyball sta ancora recriminando per la prematura uscita dai play-off di serie C maschile, tant’è è vero che ha pure cercato, invano, l’acquisizione di un titolo sportivo di B2, segno che la rinuncia alla categoria superiore brucia ancora. E allora il sodalizio presieduto da Mario Di Domenico sta allestendo un organico che punti fortemente a vincere il campionato regionale e sbarcare sullo scenario nazionale, anche perché si sente pronto sotto ogni punto di vista, dopo aver opportunamente organizzato meglio la struttura societaria. Disastroso invece l’esito del campionato di serie D femminile, con una retrocessione che è stata la naturale conclusione di un calvario agonistico per un gruppo falcidiato da infortuni e rinunce, tanto da aver paventato un ritiro anticipato dal torneo comunque poi onorato fino alla fine al massimo della possibilità.
La New Volley, invece, si sta ancora leccando le ferite per la doppia retrocessione, esito impensabile a settembre per entrambe le formazioni schierate. La famiglia Barbaro nel corso della stagione ha evidentemente commesso degli errori di valutazione e di carattere organizzativo, comunque patrimonio prezioso da cui trarre insegnamenti e meglio indirizzare le scelte per una società ancora giovane ma già ambiziosa. Quali e campionati potrà e vorrà disputare nella prossima annata è ancora presto per dirlo, ma alcune risposte arriveranno già a breve con la chiusura delle iscrizioni e le decisioni sui ripescaggi.

Pallacanestro
Stagione decisamente positiva per entrambe le società che hanno centrato abbastanza agevolmente i rispettivi obiettivi nel campionato di Promozione, alle quali si aggiungono le certezze e le soddisfazioni anche di carattere sociale dell’Us Basket Lucera, società che da almeno quindici anni è un punto di riferimento importante per l’intera provincia nella sua attività rivolta esclusivamente ai settori giovanili.
La Sveva ha ottenuto la promozione in serie D per la quale si era preparata già dall’estate scorsa, con la famiglia Maglia che ha programmato con oculatezza e ambizione un percorso societario e tecnico in cui si è fatta accompagnare da un allenatore di categorie decisamente superiori come Roberto De Florio. Il suo passato in contesti nazionali e la sua profonda conoscenza dell’ambiente lucerino sono stati fondamentali nella conduzione di un campionato vinto quasi in scioltezza, con l’unica vera macchia che resta “l’onta” della sconfitta casalinga nel derby di regular season con l’Asd Basket Lucera. I primi obiettivi stagionali sono ora la trasformazione in vera e propria società sportiva, la ricerca di un nuovo tecnico e il Selection Day per i nati nel 2004-2005, in programma martedì 10 luglio dalle 18 alla palestra dell’Itet. 
Dal canto suo, il Basket Lucera, presieduto da Giovanni Massenzio, alla fine ha portato a casa la salvezza nonostante una stagione travagliata. Cambio di allenatore, organico sempre piuttosto fluido in entrata ed uscita e risultati spesso altalenanti sono stati gli elementi di disturbo di una stagione che resta comunque una base su cui costruire un futuro. Sarà necessario passare prima di tutto da un roster più stabile e consolidato, sia dal punto di vista tecnico che nella dotazione di giocatori under, obbligatori per queste categorie minori ma spesso “introvabili”, circostanza piuttosto strana vista la grande pratica cestistica nelle giovani generazioni.

Riccardo Zingaro

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0166s.