25/07/2018 17:35:00

Reperti lucerini sotto occhi digitali

Cinquanta tra studenti, tecnici e professionisti provenienti da diverse nazioni di vari continenti oggi hanno svolto una giornata formativa a Lucera, effettuando rilevamenti e studiando le preziosità antiche collegate a una tematica precisa: l’acqua.
L’iniziativa è stata favorita e sostenuta dal Collegio dei Geometri di Lucera - con l'impegno organizzativo del presidente Nicola Di Bitonto e dei geometri Carla Falcone e Angelo Di Salvia - che ha patrocinato la nona edizione della International Summer School che si è svolge in Puglia dal 23 al 31 luglio. L’organizzatore della Summer School è il professor Pietro Grimaldi, presidente del Comitato internazionale fotogrammetria architettonica che ha sede a Bari.  
“Rilevare per progettare: nuove tecnologie e salvaguardia del territorio:  H2O = VITA strade, percorsi di instradamento e piste in età antica”. Questo è il titolo dato all’edizione 2018 che si esplica nel rilevare e studiare oggetti, contenitori, tracce nel terreno, sorgenti e tutto ciò che è legato al tema dell’acqua come simbolo della vita. 
Nella mattinata gli esperti hanno effettuato i loro rilievi presso il vascone di pregio realizzato in pietra incisa e collocato nella sagrestia della chiesa di San Domenico, reperto che già a maggio scorso aveva suscitato notevole interesse nel professor Grimaldi, come pure la visita al Museo Civico “Fiorelli”. Qui, con la consulenza dell’archeologa Anna Castellaneta, aveva individuato alcuni pezzi adatti per il rilevamento con tecnologie laser, in particolare uno dei “vasi filtranti” di epoca saracena.
E in effetti, dopo San Domenico, i lavori sono proseguiti per la parte teorica nella sede del Collegio dei Geometri di Lucera e nel pomeriggio con la visita al Museo.

I rilievi effettuati sul vascone nella sagrestia di San Domenico. In alto quelli su un vaso filtrante al Museo Fiorelli

L’International Summer School si pone come obiettivo l’esaltazione del rilevamento dell’ambiente con l’utilizzo delle nuove tecnologie finalizzato alla salvaguardia dell’ambiente stesso, con particolare attenzione alla realizzazione di una rappresentazione che permetta una corretta gestione del territorio. Oltre a Lucera, quest’anno sono interessati i comuni di Bari, Alberobello, Grottaglie, Lecce e Matera.
Fra le novità tecnologiche dell’edizione 2018 c’è un sistema di rilevamento mobile mapping 3D in tempo reale. 

e.g.
 

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0625s.