14/08/2018 00:00:12

Il Maestro della santità/10

La santità che il Maestro ci propone ci rende liberi per amare e non prigionieri delle cose. La libertà che ci conduce alla santità deve essere povera. «Questa povertà di spirito è molto legata con quella “santa indifferenza” che proponeva sant’Ignazio di Loyola, nella quale raggiungiamo una bella libertà interiore: “Per questa ragione è necessario renderci indifferenti verso tutte le cose create (in tutto quello che è permesso alla libertà del nostro libero arbitrio e non le è proibito), in modo da non desiderare da parte nostra più la salute che la malattia, più la ricchezza che la povertà, più l’onore che il disonore, più la vita lunga piuttosto che quella breve, e così in tutto il resto”» (Francesco, Gaudete et exsultate, 19 marzo 2018, 69). Coraggio, non abbiate paura di essere santi. Sii una missione su questa terra, un dono d’amore per gli altri.

Leonardo Catalano

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.