26/10/2018 07:15:02

Il mercato residenziale di lusso

Il mercato residenziale nel Lazio offre numerosi segnali positivi, come dimostrato dalla crescita dei prezzi e degli scambi, al di sopra della media italiana. Roma, in particolare, fa registrare prestazioni nell'alta gamma che, prese in considerazione nel lungo periodo, sono migliori addirittura delle performance di New York e di Londra. Il 2017 è, ovviamente, l'ultimo anno per il quale sono disponibili dati globali: ebbene, lo scorso anno nel Lazio ci sono state più di 60mila transazioni, che corrispondono all'11% del totale nazionale. La sola regione che ha fatto meglio del Lazio da questo punto di vista è la Lombardia. Le previsioni per il 2018 parlavano di una crescita ipotizzata del 15%, di oltre due punti percentuali superiore alla media nazionale: le transazioni dovrebbero sfiorare le 70mila unità, praticamente il doppio rispetto alla Toscana.
I valori al metro quadro
Parlando di prezzi medi nominali, a livello regionale i valori al metro quadro si sono mantenuti stabili, più o meno come nel resto del Paese. Se nel 2017 il trend era stato negativo, anche se solo dello 0.2%, già a partire da quest'anno la situazione dovrebbe cambiare, con una crescita pari all'1%. 
La differenza tra Roma e Milano
Roma nel corso degli ultimi anni è stata protagonista di una ripresa più complicata e lenta di quella di Milano, ma in un intervallo di tempo più ampio la situazione appare comunque rosea: attici e case di lusso a Roma, infatti, negli ultimi cinque lustri hanno visto aumentare il proprio valore di cinque volte. La Città Eterna sembra non avere rivali a livello mondiale, distanziano in misura consistente Londra, che in questa particolare graduatoria si colloca al secondo posto e che negli ultimi venticinque anni ha conosciuto una crescita del 370%. Sul terzo gradino del podio c'è Milano, che si lascia alle spalle Parigi, mentre a chiudere la top five c'è New York, che ovviamente ha risentito della crisi finanziaria che è iniziata nel 2008. 
Per quanto concerne gli ultimi cinque anni, invece, i trophy asset nella capitale italiana sono aumentati di valore di oltre il 20%, distanziando anche in questo caso Parigi, mentre Milano è rimasta ferma a poco più del 14%. Proprio il segmento del mercato residenziale dei trophy assets è quello in cui il capoluogo lombardo viene sconfitto in maniera netta da Roma, dove la crisi ha sì riguardato l'area del centro e quella del semicentro, ma non ha toccato gli immobili in top location più esclusivi, richiesti sia dagli investitori italiani che da quelli internazionali. Risulta inferiore, nel confronto con Milano, lo stacco tra i tassi di crescita di tutto il mercato residenziale e i tassi di crescita degli immobili trofeo.
Le abitazioni di lusso a Roma
Il fattore qualità per le abitazioni di lusso a Roma viene declinato in funzione di molteplici specifiche: gli impianti avanzati, l'interior design, le finiture, le dimensioni, la location, eccetera. In presenza di una domanda elevata, si ha a che fare con un'offerta ristretta e c'è bisogno di più progetti nuovi: accanto ai palazzi storici, dunque, ci dovrebbero essere residenze di lusso moderne. Per il 2018 a Roma sono state stimate 38.600 compravendite: tra pochi mesi sapremo se le previsioni sono state rispettate, anche in relazione all'incremento previsto del 13.5% tra lo scorso anno e quello in corso. Sono circa 45mila le unità che compongono l'offerta, tenendo conto non solo delle nuove costruzioni ma anche del prodotto riqualificato di qualità.

f.g.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.